L'indagine supplementare è spesso richiesta per apparecchi di sollevamento datati o con una quantità considerevole di anni di servizio.

Forti della esperienza acquisita fin dai primi anni di richiesta e attuazione del Decreto 81/2008, effettuiamo indagini supplementari  in accordo alle normative tecniche di riferimento che, sempre più frequentemente vengono richieste dagli organi di vigilanza e dagli enti di verifica durante le verifiche periodiche sugli apparecchi con più di 10 anni, e che sono invece obbligatorie per gru mobili e di tipo trasferibile con più di 20 anni di esercizio (autogru, gru a torre, gru su autocarro, etc..).

Siamo in grado anche di consigliare e/o riferire i moduli e i contatti di riferimento degli Enti pubblici abilitati o Soggetti Abilitati per l'effettuazione delle verifiche periodiche regolari (annuali, biennali o triennali) sui vostri apparecchi di sollevamento.

Seguendo le normative e le richieste dell'Europa, anche l'Italia si è adeguata allo standard di sicurezza richiesto per la manutenzione e la verifica delle condizioni di sicurezza degli apparecchi di sollevamento e delle attrezzature con l'entrata in vigore del D.Lgs 9 Aprile 2008 n°.81 "Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro" che impone al dator di lavoro l'obbligo di provvedere affinchè i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzione tecnica e vengano eliminati i difetti rilevati che pregiudicano la sicurezza e la salute dei lavoratori. Nel decreto è evidente che l'obbligo riguarda anche e soprattutto gli apparecchi di sollevamento che devono essere soggetti a manutenzione ordinaria, al fine di garantire la permanenza dei requisiti minimi di sicurezza di cui all'art.70, e che devono essere sottoposti a dei controlli straordinari o manutenzione straordinaria al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza ogni volta che intervengono eventi eccezionali quali riparazioni strutturali importanti, trasformazioni, incidenti, sovraccarichi, deragliamenti, fenomeni naturali o periodi di prolungata inattività, etc.. 

E' richiesto inoltre che i controlli sopra descritti siano effettuati da persona competente indicandone in dettaglio le caratteristiche di competenza richieste e, non fissando scadenze temporali specifiche, si rimanda alle indicazioni del costruttore, delle norme tecniche o dei codici di buona prassi. Diventa dunque implicitamente richiesto per gli apparecchi di sollevamento il rispetto delle scadenze temporali prescritte nelle normative tecniche ISO 12482, FEM 9.755 e UN 9927-1 e la metodologia di esecuzione delle indagini supplementari o verifiche approfondite secondo quanto prescritto in termini di contenuti e di personale richiesto: ad esempio la UNI 9927-1 richiede che le ispezioni o controlli regolari vengano eseguite da tecnico esperto (5.2.1) e le ispezioni approfondite da un ingegnere esperto.

Oltre ai controlli ordinari e straordinari il datore di lavoro deve sottoporre le attrezzature riportate in allegato VII a verifiche periodiche che devono essere eseguite da Enti provati o pubblici secondo le scadenze defnite dallo stesso allegato; in questo caso le verifiche devono essere eseguite da personale tecnico con funzione di incaricato di pubblico servizio esercitante l'attività per conto dell'ASL, INAIL o altro Soggetto privato Abilitato (vedi RINa, Bureau Veritas, Apice, o altri enti privati abilitati). 

 Si rimanda agli approfondimenti qui in basso ed alle FAQ per maggiori dettagli sull'argomento.

 

 Approfondimenti

L'indagine supplementare consta in un controllo approfondito della struttura e dei meccanismi dell'apparecchio sia con metodi visivi che con l'ausilio di controlli non distruttivi come gli esami con particelle magnetiche e ad ultrasuoni, in alcune prove funzionali e in prove di carico necessarie a determinare eventuali rotture, difetti e anomalie dell'apparecchio. Infine vengono svolti i calcoli e fatte le relative valutazioni sul periodo di vita residua utile dell'apparecchio.

Al contrario del pensiero comune per questo tipo di controllo, grazie ai controlli approfonditi con metodi moderni e alle prove con un occhio esperto che da vicino supervisiona l'attrezzatura durante il suo funzionamento si rilevano frequentemente cricche, difetti e si riesce ad assicurare un utilizzo ancora sicuro delle strutture e edei meccanismi di apparechhi di sollevamento vecchi e usurati. In qualche caso è necessario spendere e sostituire pochi componenti ,e spesso economicamente poco rilevanti rispetto all'intera struttura, per ripristinare le condizioni di sicurezza minima durnate l'utilizzo della macchina.

L'indagine supplementare viene richiesta dagli enti di vigilanza o dai Soggetti Abilitati per apparecchi fissi (carriponte, cavalletti, bandiere, etc..) e per apparecchi mobili (gru a torre, autogru e gru su autocarro, etc..) che hanno molti anni di esercizio o che si presentano in condizioni non correttamente mantenute o con visibili segni di vetustà e usura. Per legge è obbligatorio presentare il resoconto dell'indagine supplementare per gru di tipo mobile con più di 20 anni di esercizio e per gru rimesse in esercizio o con prolungati periodi di inattività.

Seguendo la norma FEM 9.755 una ispezione approfondita è prescritta per meccanismi di gru di tipo fisso e mobile o trasferibile con più di 10 anni di attività al fine di controllare eventuali condizioni di utilizzo diverse dalle ipotesi di progetto della macchina per una valutazione realistica della vita residua; in aggiunta poichè secondo il D.P.R. n°.224 del 24/05/1988 "...in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi.." si evince che la norma è applicabile a tutte le macchine e attrezzature intercambiabili e inoltre secondo normative tra cui la 42/CE/2006 la responsabilità diretta del costruttore dell'apparecchio con la marcatura CE e il fascicolo tecnico ad esso collegato deve essere valido almeno fino a 10 anni dalla data di costruzione, viene spesso richiesta dalla autorità competenti, come indicano le linee guida regionali, l'indagine supplementare anche per gru di tipo fisso con più di 10 anni dalla data di costruzione affinchè il proprietario della macchina (o datore di lavoro) abbia la sicurezza e garantisca il corretto mantenimento di buone condizioni di sicurezza e la responsabilità dell'uso e delle condizioni degli apparecchi per i quali è responsabile.

Inoltre in aggiunta lo standard di sicurezza richiesto per la manutenzione e la verifica degli apparecchi di sollevamento e delle attrezzature è ben chiarito nel D.Lgs 9 Aprile 2008 n°.81 "Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro" e nelle sue circolari attuative diventando implicito che una indagine supplementare debba essere fatta anche per gli apparecchi di sollevamento di tipo fisso in accordo alle normative internazionali ISO 12482 che prescrivono intervalli di 10 anni per gru mobili e trasferibili (piattaforme, autocarrate, gru da carico, gru a torre, etc.) e 20 anni per apparecchi di tipo fisso (carriponte, bandiera, a braccio, etc.).

L'indagine supplementare o la verifica approfondita è un tipo di controllo e manutenzione che si esegue dopo molti anni della vita della macchina e spesso viene richiesta di ripeterla dopo 10 o più anni di utilizzo in base alle condizioni di uso, alla vita residua e al tipo di struttura a discrezione dell'ingegnere esperto; l'esaurirsi a calcolo della vita residua della macchina o le condizioni particolarmente usurate dell'apparecchio non precludono la fine vita della macchina, ma una modifica delle prescrizioni di manutenzione con una intensificazione della periodicità delle ispezioni magari dopo la sostituzione di alcuni organi o componenti vitali per la sicurezza; in questa ottica e poichè si tratta di una manutenzione effettivamente concreta per la struttura il datore di lavoro, con un dispendio economico relativamente basso durante tutto l'arco della vita dell'apparecchio, riesce a garantire una condizione di utilizzo sicura e conforme della macchina per un periodo prolungato evitando di dover sostenere una sostituzione completa molto onerosa  e impegnativa. 

Questo tipo di considerazione è ancora di più valida per attività industriali e non che sottopongono le gru a cicli di carico e usura particolarmente gravosa e utilizzano apparecchi di sollevamento importanti e dispendiosi rispetto alle realtà quotidiane come per esempio acciaierie, fonderie, porti industriali e commerciali, realtà industriali con cicli di lavorazione prodotti 24 ore, etc.

La dilatazione del periodo di sostituzione completa della macchina con una manutenzione periodica seppur poco frequente ('indagine e controllo supplementare') permette lo sfruttamento totale delle risorse industriali e degli investimenti effettuati per la proria attività con un maggior periodo di ammortamento.